“SE MILLE SCIMMIE

2 02 2008

PER MILLE ANNI

scrivessero a caso su mille macchine da scrivere, con una media di mille caratteri all’ora probabilmente sarebbero in grado di riscrivere l’intera opera di Shakespeare.”

Paradosso demenziale che serve a dimostrare che anche la gente stupida è in grado di scrivere stupidi paradossi.

Non è nelle singole parole il lavoro di Shakespeare (non solo) ma (opinione personale) nella composizione (che è strettamente legata all’idea che guida la storia). E’ possibile che mille scimmie riescano a scrivere tutta l’opera di Shakespeare, ma in mezzo a un sacco di roba che non centra niente, tipo la propaganda elettorale di Berlusconi, i discorsi del Ministro Calderoli e un mucchio di robe da scimmia… e chi sceglierà cosa tenere? Shakespeare.

E siamo punto e da capo.

Essere o non essere. Annullarsi o imporsi?
Qual’è la chiave della felicità?
Crearsi attorno la gravità di un sole o di un buco nero? (detta così ognuno risponderà DIUNSOLE!DIUNSOLE!)
Ma è necessariamente pessimista l’idea di distruggere per ricominciare a costruire?
La forza gravitazionale di un buco nero è mooooolto maggiore.
Meglio essere, essendo il cadavere di se stesso, o non essere per rinascere ogni giorno?

Credete che una scimmia si potrà mai porre domande del genere?
Se sì non so che scimmie conosciate!!!

Boh… io intanto evito di andare da McDonald.


Azioni

Information

3 responses

27 01 2010
Gianmarco

Se mille scimmie per mille anni scrivessero a caso su mille macchine da scrivere, con una media di mille caratteri all’ora probabilmente sarebbero in grado di riscrivere l’intera opera di Shakespeare

Ti invito a porre l’attenzione su alcuni punti dell’enunciato all’inizio del tuo commento: la prima parola è “se”. Ciò indica che tutta la frase parte da un’assunzione che non è un’ipotesi fondamentale ma un semplice esempio per meglio far capire il concetto e portarlo ai limiti dell’assurdo per meglio impressionare chi legge. Seconda cosa: verso la fine c’è scritto probabilmente… questa parola è la chiave di comprensione dell’intera frase. Questa non ha l’obiettivo di porre l’attenzione su problemi esistenziali, sul valore del pensiero e della creatività umana, ma semplicemente spiegare con un esempio un teorema matematico che è alla base della teoria della probabilità per la legge dei grandi numeri (altrimenti incomprensibile ai non esperti del settore matematico). Infine vorrei segnalare un errore nella formulazione che riporti: il tempo per la composizione non è mille anni ma un tempo infinito, che è concettualmente possibile ma praticamente no; è stato calcolato infatti che in tempo necessario per “generare” Shakespeare da una sequenza casuale sarebbe ben più lungo di quello trascorso dal bib bang a oggi. Mi sembra ingiusto quindi definire questo paradosso come “demenziale”, poichè sminuisce solo il valore dell’affermazione da te malamente interpretata.

19 07 2013
Gloria

I savor, lead to I discovered just what I used to
be taking a look for. You have ended my four day long hunt!
God Bless you man. Have a nice day. Bye

29 11 2013
Jeannette

Write more, thats all I have to say. Literally, it seems as though you relied on the video to maake your point.
You definitely know what youre tallking about, why waste your
intelligence on just posting videos to your weblog when you
could be giving us something enlightening to read?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: